Cerca una news

17 maggio 2017

Dalla Sicilia alla Bocconi con una borsa di studio

Anastasia Gatto è la prima beneficiaria del Fondo "BAA per la Sicilia", il progetto lanciato dall'Area palermitana di BAA all'interno della Campagna Una sfida possibile.

Credere nel talento, sostenere il merito e investire sul territorio: questa la scelta fatta nel 2016 dalla BAA Palermo, guidata dall'Area Leader Dario Marino, con il lancio dell’iniziativa BAA per la Sicilia.

Seguendo l'esempio del fondatore dell'Università Bocconi e dimostrando il forte spirito di solidarietà che lega le diverse generazioni di Bocconiani, l'Area siciliana ha deciso di avviare una campagna di raccolta fondi a favore di giovani studenti siciliani all'interno del progetto Esoneri Parziali Triennio.

Il progetto si rivolge a studenti provenienti da famiglie che non potrebbero sostenere i costi del percorso formativo; i quali, una volta selezionati come beneficiari, ottengono un finanziamento destinato a coprire il 60% della retta annuale per tutto il corso di laurea triennale.

E la risposta degli Alumni non si è fatta attendere. Primo tra tutti, a raccogliere l'invito di Palermo, è stato Giuseppe Zarbo, laureato in Economia Aziendale nel 1993.

Il contributo di Giuseppe, al quale è seguito quello di molti altri Alumni come lui, ha permesso ad Anastasia Gatto, siciliana classe 1997, di diventare la prima beneficiaria del primo esonero nominale sostenuto dal Fondo BAA per la Sicilia.

Ora Anastasia frequenta il primo anno del corso di laurea triennale in Economia Aziendale e Management a Milano.

A Palermo, intanto, sono pronti a rilanciare: il 16 giugno verrà infatti presentato il progetto di raccolta per il 2017. Sempre a favore di studenti siciliani, sempre a sostegno del merito. Tutte le info qui.